Ciclo di Seminari: Abbecedario Femminista in ordine sparso

I Seminario 160116

La Casa della Donna organizza il Ciclo di Seminari Abbecedario Femminista in ordine sparsodedicato alla memoria della nostra cara Paola Argentina Bora. 

L’intento di questi incontri è di far conoscere e approfondire i concetti base, la storia e il lessico dei Femminismi. Ogni seminario è condotto da una relatrice esperta dell’argomento, vi aspettiamo per il primo seminario di inquadramento storico:

Femminismo e femminismi. Storie in movimento.

Con Vinzia Fiorino (Storia Contemporanea, Università di Pisa)

Sabato 16 gennaio 2016 ore 10-13, 

Casa della Donna, via Galli Tassi 8, Pisa

I Seminario 160116

 

Corso di formazione per operatrici volontarie

banner corso formazioneLETTERINE 2016.svg.2015_12_11_10_14_47

Corso di formazione per volontarie per il 2016

L’Associazione Casa della Donna offre a donne motivate a dare il loro contributo volontario nei servizi attivati nella struttura, un corso di formazione, che prevede un programma articolato in:

Ciclo di seminari “Abbecedario femminista in ordine sparso”: l’intento è di far conoscere e approfondire i concetti base, la storia e il lessico dei Femminismi. Ogni seminario sarà condotto da una relatrice esperta dell’argomento e seguito da dibattito / laboratorio/ tavola rotonda.

2 moduli di formazione specifica a scelta (A o B):

A- Modulo “Il centro antiviolenza della Casa della Donna: agire contro la violenza di genere” per le donne che desiderano svolgere attività di volontariato nel Centro Antiviolenza

B- Modulo “La Biblioteca Anna Cucchi della Casa della Donna di Pisa: una biblioteca di genere” per le donne che desiderano svolgere attività di volontariato nella Biblioteca della Casa della donna.

Per accedere al corso di formazione è necessario inviare alla mail segreteria.casa@tiscali.it

entro il 4 gennaio 2016:

1. Il proprio CV ;

2. una lettera motivazionale.

E’ previsto un colloquio di selezione, che si terrà nei giorni 11 e 12 gennaio 2016

Il corso è rivolto a donne di età diverse e di varie professionalità: giovani studentesse o occupate, donne adulte, pensionate, che non siano già esperte, ma sicuramente motivate sia alle tematiche oggetto dei nostri interventi, sia ad operare con noi in maniera continuativa e a dare il loro contributo, anche partecipando alla vita associativa, al raggiungimento della Consapevolezza di sé e dei Diritti di tutte le donne, all’Autonomia e all’Autodeterminazione. 

La frequenza al corso è obbligatoria per il rilascio di un attestato (minimo numero di lezioni 70%) Continue reading

Manifestazione contro la VIOLENZA SULLE DONNE 25 novembre 2015 – Ponte di Mezzo

Manifestazione
contro la VIOLENZA SULLE DONNE
25 novembre 2015 – Ponte di Mezzo 

Vuoi unirti alla Casa della donna nella manifestazione contro la violenza sulle
donne del 25 novembre? Sei pronto a far parte del cordone rosso che si riunirà
al centro del Ponte di Mezzo per sensibilizzare al fenomeno della violenza maschile
contro le donne e ricordare i femminicidi di questo anno?

Ecco come fare segui le nostre indicazioni:

COME?
Porta una sciarpa o un pezzo di stoffa di colore rosso. Ogni pezzo sarà legato
ad un altro creando due cordoni che partendo da due punti diversi della città
si riuniranno sul Ponte di Mezzo.

DOVE?
Due sono i punti di aggregazione. A nord del Ponte di Mezzo in L.go Ciro Menotti.
A sud del Ponte di Mezzo in Piazza del Carmine. Nei punti di aggregazione
troverete alcune amiche della Casa, riconoscibili perché indosseranno qualcosa
di rosso.

QUANDO?
Alle 15:30 in uno dei due punti di aggregazione. Alle 16 occuperemo con il nostro
cordone rosso il Ponte di Mezzo.

PERCHE?
L’Assemblea dell’Onu ha designato il 25 novembre come Giornata Internazionale
per l’eliminazione della violenza contro le donne e ha invitato i governi,
le organizzazioni internazionali e le Ong a organizzare in quel giorno attività volte a
sensibilizzare l’opinione pubblica.

La scelta del 25 novembre ricorda la vicenda delle sorelle Mirabal.
Il 25 novembre del 1960 nella Repubblica Domenicana le sorelle Mirabal si recavano
a far visita ai loro mariti in prigione quando furono bloccate sulla strada da agenti
del Servizio di informazione militare. Furono condotte in un luogo nascosto nelle
vicinanze, lì furono torturate, massacrate e strangolate, per poi essere gettate in un
precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente.

“Il caffè delle differenze”

Presidio in Largo Ciro Menotti, Sabato 7 Novembre ore 10–13

il caffè delle differenze

Le associazioni, i gruppi, le persone singole che da tempo lavorano sui progetti di educazione alle differenze saranno presenti Sabato 7 novembre dalle ore 10 alle ore 13.00 in Largo Ciro Menotti per dare una corretta informazione rispetto agli obiettivi e ai contenuti del loro impegno sociale e culturale.

L’evento è promosso ed organizzato dalla rete Educare alle differenze, ma è aperto a tutti quei soggetti (associazioni, collettivi, scuole, gruppi, persone, etc.) che sono interessati a condividere esperienze educative e formative nell’ambito del rispetto delle diversità presenti nei nostri ambienti e territori.

In questi mesi abbiamo assistito ad una mistificazione del nostro lavoro ed impegno, ad opera di soggetti che hanno la necessità di un “nemico” per costruire la loro identità e rafforzare la loro appartenenza ad un movimento: abbiamo provato a dialogare con queste persone, ma non hanno voluto.

Noi invece vogliamo su questi temi confrontarci con tutti e tutte: insegnanti, educatori ed educatrici, studenti e studentesse, cittadini e cittadine: offriremo un caffè (e una merenda per i più piccoli) per chi vorrà fermarsi per guardare, ascoltare, chiedere, sperimentare cosa è il lavoro della nostra rete.

Vi aspettiamo quindi con le vostre esperienze, con i vostri dubbi, domande e proposte sabato 7 novembre, la mattina, in Largo Ciro Menotti!

Rete pisana “Educare alle Differenze

#ConLeDonneXLeDonne: Campagna di sensibilizzazione di Avène

#ConLeDonneXLeDonne
contro ogni forma di violenza.

logo_donnexledonne

È partita la campagna di sensibilizzazione e informazione contro la violenza maschile sulle donne di Eau Thermale di Avène in collaborazione con D.i.Re. La campagna proseguirà fino al 25 novembre 2016, giornata internazionale dell’Onu contro la violenza alle donne.
Il progetto è articolato in tre momenti:
A partire dal 14 ottobre tutte le persone sensibili e coinvolte in questa battaglia sono chiamate a condividere sui social network e in particolare su Instagram un contributo fotografico che non mostri immagini di violenza ma di amore, rispetto fra uomo e donna e condivisione.
Dal 20 novembre gli scatti raccolti durante questo mese di mobilitazione saranno esposti a Roma in una mostra dedicata.
Il 25 novembre Avène inviterà tutti a contribuire alla mobilitazione mondiale attraverso Twitter, twittando un pensiero o una riflessione e contrassegnandolo con l’hastag #ConLeDonneXLeDonne. Saranno coinvolte in questo percorso di consapevolezza un gran numero di farmacie sparse su tutto il territorio nazionale, sarà distribuito
materiale divulgativo e informativo sull’ampiezza e la gravità della violenza maschile contro le donne e sui centri Antiviolenza dove le donne possono rivolgersi nel rispetto dell’anonimato e della loro volontà.
Titti Carrano, Presidente di D.i.Re, è intervenuta per sottolineare quanto sia importante che le aziende e le imprese private affianchino la Rete dei Centri Antiviolenza nell’azione di contrasto a un fenomeno strutturale che riguarda gran parte delle donne italiane:
“I Centri Antiviolenza sono luoghi di libertà, dove le donne che subiscono violenza trovano ascolto, accoglienza e dove possono cominciare un progetto di vita libero e autonomo – ha detto Titti Carrano – Purtroppo i finanziamenti pubblici sono scarsi, incerti e intermittenti. Per questo è molto importante che le aziende private e le imprese più sensibili ci affianchino in questa battaglia.
Attraverso l’azione di Avène avremo occasione di entrare in contatto con un gran numero di donne che entrano in farmacia, dare loro informazioni e far conoscere i centri antiviolenza”.

Più informazioni: http://www.avene.it/notizie/201510131818/conledonnexledonne