Caso Buscemi, lettera al sindaco e nuovo presidio


Martedi 11 settembre dalle ore 14 nuovo presidio sotto palazzo Gambacorti per chiedere le dimissioni dell’assessore Andrea Buscemi, responsabile di stalking, e autore di un recente video su Facebook in cui dichiara che è necessario rimuovere i vertici della nostra associazione, oltre che tagliarne i fondi e la sede. Dichiarazioni di una gravità inaudita di cui chiediamo conto, ancora una volta, al sindaco Michele Conti.

Di seguito pubblichiamo una lettera inviata al sindaco dalla nostra presidente Carla Pochini. A martedì!

Continue reading

Caso Buscemi, il testo dell’audizione a Bruxelles


Ieri, martedì 4 settembre, una nostra delegazione ha presentato la vicenda della nomina ad assessore di Andrea Buscemi in una audizione presso la Commissione per i diritti delle donne e la parità di genere del Parlamento europeo. Grazie all’interessamento della europarlamentare Eleonora Fiorenza, la Commissione ha infatti dedicato una due giorni alle Case delle donne che in Italia stanno subendo attacchi gravissimi.

Oltre alla nostra delegazione – composta da Francesca Pidone (responsabile del servizio Telefono Donna del centro antiviolenza) e Carlotta Monti (gruppo Educare alle Differenze), accompagnate dalla giornalista Beatrice Bardelli – erano presenti delegazioni della Casa internazionale delle donne di Roma, la Casa Lucha y Siesta di Roma, la Casa delle donne di Viareggio, l’associazione Pronto Donna di Arezzo e altre. Qui il video Facebook della conferenza stampa finale. Continue reading

Caso Buscemi, torna la protesta e approda a Bruxelles

Domani, martedì 4 settembre, una delegazione della Casa della donna di Pisa sarà in audizione presso la Commissione per i diritti delle donne del Parlamento europeo. Contemporaneamente manifestazione in piazza a Pisa contro “un’amministrazione comunale violenta e sessista che viola la Convenzione di Istanbul”.

Dopo aver raccolto lo scorso luglio oltre 40mila firme e portato centinaia di persone in piazza, la protesta della Casa della donna di Pisa contro la nomina di Andrea Buscemi ad assessore alla cultura torna più forte che mai e approda anche in Europa. Domani, martedì 4 settembre, mentre a Pisa, in occasione del consiglio comunale, si svolgerà una manifestazione cittadina sotto palazzo Gambacorti, a Bruxelles una delegazione dell’associazione, accompagnata dalla giornalista Beatrice Bardelli, sarà in audizione presso la Commissione per i diritti delle donne e la parità di genere del Parlamento europeo. Nell’audizione, ottenuta grazie alla europarlamentare Eleonora Forenza, la Casa della donna presenterà il “caso Buscemi” e chiederà un intervento della Commissione anche in virtù di quanto previsto dalla cosiddetta Convenzione di Istanbul*, la Convenzione del Consiglio d’Europa per la prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne approvata nel 2011 e ratificata anche dal nostro Paese.

Continue reading

#Svegliamoci! Liberiamo Pisa dalla violenza

L’associazione Casa della donna invita le cittadine e i cittadini di Pisa a scendere in piazza XX settembre (davanti al Comune) martedì 4 settembre dalle 14.00.

Portate con voi una sveglia o uno smartphone! Insieme daremo una svegliata al Consiglio comunale e alla città e affermeremo con forza il nostro NO AD UNA AMMINISTRAZIONE SESSISTA E VIOLENTA!

NO ad un assessore alla cultura condannato perché responsabile di gravi atti persecutori contro la sua ex. UNO STALKER NON PUÒ RAPPRESENTARCI!

Il 30 maggio 2017 la sentenza della Corte di Appello di Firenze definisce Andrea Buscemi responsabile di stalking e lo condanna a rifondare tutte le spese processuali oltre che a pagare i danni alla ex compagna. Lo stesso è anche colpito da un divieto di avvicinamento a due testimoni per averle minacciate. Il 3 luglio 2018 Michele Conti lo nomina assessore alla cultura. Una provocazione insensata a tutte le donne, uno schiaffo alla dignità dell’intera città di Pisa!

NO ad un consigliere comunale che insulta chiunque sia diverso da lui e calpesta i diritti delle persone Lgbt. UN OMOFOBO NON PUÒ RAPPRESENTARCI!

“I gay vadano a baciarsi a casa loro” ha scritto Manuel Laurora poche settimane fa, un consigliere che passa il tempo sui social a scrivere frasi omofobe e razziste. Ci vada lui a casa sua e restituisca dignità al Consiglio Comunale!

Chiediamo il rispetto dei diritti e delle istituzioni e pretendiamo un Sindaco che sia capace di rappresentare tutte le cittadine e i cittadini di Pisa.

FUORI dal Consiglio Comunale chi istiga alla violenza e chi si è macchiato di reati gravissimi contro le donne! Pisa è città della cultura e dei diritti, non città della violenza!

Per facilitare l’organizzazione del presidio vi preghiamo di segnalare la vostra partecipazione a segreteria.casa@tiscali.it. Grazie!

Qui il volantino, scaricalo e diffondilo!

#Buscemidimettiti Arrivederci a settembre!

Martedì 31 luglio in consiglio comunale è stata respinta la mozione su Andrea Buscemi mentre in piazza, sotto le finestre del Comune, tante cittadine e cittadini manifestavano il proprio sdegno per la sua nomina ad assessore. E ora? In molte oggi ci facciamo questa domanda. La risposta crediamo sia proprio in ciò che è accaduto martedì scorso e in questo ultimo mese. Ieri dentro palazzo Gambacorti si è definitivamente insediata un’amministrazione comunale collusa con la cultura della violenza, fuori invece si è mobilitata per settimane una città che quella cultura riconosce, rifiuta e combatte in ogni sua forma. 
Continue reading