“Un pensiero alle tante donne uccise da chi diceva di amarle”

Siamo liete di condividere alcune poesie composte dalle donne del Gruppo di scrittura Carta Bianca in occasione della manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne “Non una di meno” che si svolgerà a Roma il 26 novembre.

Scarica “Un pensiero alle tante donne uccise da chi diceva di amarle” (pdf)

Buona lettura!

bannerini-08

UNA BIBLIOTECA TUTTA PER TE

Non c’è nessun vascello che, come un libro, possa portarci in
paesi lontani”

Emily Dickinson

 

Arrivi quasi sotto la torre di Pisa da via Santa Maria o da via Roma. Percorri per un tratto l’ultima traversa, via Galli Tassi, e ti trovi davanti un cancello, un piccolo giardino e una deliziosa palazzina stile liberty, color rosa carico, con un balconcino semicircolare che guarda gli alberi secolari dell’orto botanico che si affacciano dal muro di fronte.
E’ la sede dell’associazione Casa della Donna.
Entri e ti riceve una delle giovani donne del servizio civile: Rachele o Giorgia. Ti indica la stanza della biblioteca a sinistra dell’ingresso.
Ti accolgono, in base ai turni, Elisabeth, Gianfranca, Giulia, Anna, Rossella, Carla, Chiara, Susanna, Antonella, Angelica, donne di diverse età, tutte volontarie e tutte accomunate dalla passione per i libri.
Capisci subito di trovarti in una biblioteca speciale: i libri sono scritti da donne, le riviste hanno una redazione tutta femminile.
Dai un’occhiata agli scaffali dove scoprirai tanti testi sul lavoro, sulla maternità, sulla salute, sul pensiero femminista e la storia delle donne ma anche tanti romanzi, racconti e poesie.
Qui puoi consultare la prima rivista femminista italiana “Effe” e tante altre riviste in corso e fuori corso.
La biblioteca possiede più di 4000 volumi, circa 100 riviste tra cessate e in corso, diverse tesi universitarie.

La peculiarità della biblioteca è anche e soprattutto dovuta al luogo in cui si trova: la Casa della Donna.
Nella casa si svolgono molte attività, tutte su base volontaria. Le donne si possono rivolgere alla casa in un momento difficile della loro vita e vengono accolte dalle volontarie del telefono-donna, da avvocate, da psicologhe che le sosterranno nel percorso di uscita dalle difficoltà e nel nuovo progetto di vita. Le donne migranti possono frequentare gratuitamente un corso per imparare l’italiano, quelle che amano la lettura trovano un gruppo di donne che “si incontrano per leggere e leggono per incontrarsi”, quelle che amano scrivere possono partecipare al gruppo “Carta bianca”. Il gruppo “Il sessismo nei linguaggi”, anche attraverso il suo blog, promuove iniziative per diffondere un linguaggio non sessista e non discriminatorio. Il gruppo che interviene nella sezione femminile del carcere Don Bosco, occupandosi della biblioteca del carcere e proponendo esperienze di scrittura creativa alle detenute, si riunisce nella Casa.
La Casa è un luogo dove donne di generazioni diverse si confrontano, dove si elaborano progetti, dove si tengono corsi di formazione per nuove volontarie, dove si coltivano speranze attraverso una pratica politica che mette al centro della vita la relazione tra donne.

Ma torniamo in biblioteca.

La biblioteca fa parte di Bibliolandia, la rete che collega tutte le biblioteche della provincia di Pisa.
L’ambizione delle volontarie che gestiscono la biblioteca è di aprirsi il più possibile alla città accogliendo non solo studentesse, ricercatrici e socie dell’associazione ma anche persone di tutte le età e di etnie diverse.
Le volontarie sono sempre attente a conoscere e condividere gli interessi di chi frequenta la biblioteca. Offrono consulenze bibliografiche, sono disponibili a svolgere ricerche su Internet e attivano il prestito interbibliotecario che rende disponibili i libri presenti in tutte le biblioteche della provincia. Ogni due mesi, attraverso vetrine tematiche, suggeriscono un itinerario di ricerca su argomenti di particolare interesse. Ma soprattutto sono desiderose di condividere con altre la passione per la scrittura femminile che porta alla luce il grande patrimonio di saperi, di storie di vita, di progetti e realizzazioni.
La biblioteca ha il nome di “Anna Cucchi” un’insegnante che dal 1990 fino agli ultimi anni della sua vita ha dedicato gran parte del suo tempo ad organizzare questo mondo di parole.

L’accesso alla biblioteca è libero e gratuito.
La porta è aperta, entra:
martedì dalle 10,30 alle 12,30; dalle 17 alle 19
mercoledì dalle 10,30 alle 12,30; dalle 17 alle 19
giovedì dalle 10,30 alle 12,30; dalle 17 alle 19

 

Per informazioni e contatti
biblioteca.casadonnapisa@gmail.com
segreteria.casa@tiscali.it
tel. e fax 050 550627

Corso di formazione per operatrici volontarie

banner corso formazioneLETTERINE 2016.svg.2015_12_11_10_14_47

Corso di formazione per volontarie per il 2016

L’Associazione Casa della Donna offre a donne motivate a dare il loro contributo volontario nei servizi attivati nella struttura, un corso di formazione, che prevede un programma articolato in:

Ciclo di seminari “Abbecedario femminista in ordine sparso”: l’intento è di far conoscere e approfondire i concetti base, la storia e il lessico dei Femminismi. Ogni seminario sarà condotto da una relatrice esperta dell’argomento e seguito da dibattito / laboratorio/ tavola rotonda.

2 moduli di formazione specifica a scelta (A o B):

A- Modulo “Il centro antiviolenza della Casa della Donna: agire contro la violenza di genere” per le donne che desiderano svolgere attività di volontariato nel Centro Antiviolenza

B- Modulo “La Biblioteca Anna Cucchi della Casa della Donna di Pisa: una biblioteca di genere” per le donne che desiderano svolgere attività di volontariato nella Biblioteca della Casa della donna.

Per accedere al corso di formazione è necessario inviare alla mail segreteria.casa@tiscali.it

entro il 4 gennaio 2016:

1. Il proprio CV ;

2. una lettera motivazionale.

E’ previsto un colloquio di selezione, che si terrà nei giorni 11 e 12 gennaio 2016

Il corso è rivolto a donne di età diverse e di varie professionalità: giovani studentesse o occupate, donne adulte, pensionate, che non siano già esperte, ma sicuramente motivate sia alle tematiche oggetto dei nostri interventi, sia ad operare con noi in maniera continuativa e a dare il loro contributo, anche partecipando alla vita associativa, al raggiungimento della Consapevolezza di sé e dei Diritti di tutte le donne, all’Autonomia e all’Autodeterminazione. 

La frequenza al corso è obbligatoria per il rilascio di un attestato (minimo numero di lezioni 70%) Continue reading

“Creature di donna”, dal 21 al 28 marzo alla Casa.

Care socie, nell’ ambito delle iniziative del Marzo delle Donne 2015 il Gruppo Biblioteca organizza da sabato 21 a sabato 28 marzo alla Casa della Donna una esposizione di manufatti di noi socie: FOTO, PITTURE, SCULTURE, RICAMI, altro…dal titolo

“CREATURE DI DONNA”

 L’esposizione sarà inaugurata sabato 21 marzo alle ore 17.00 e a seguire sarà offerto un aperitivo in compagnia delle donne che esporranno le loro creazioni

 

 

 

 

Immagine (16)