14 febbraio 2015: One Billion Rising Revolution

1br_rev_landscape_stack_w.date_black

ONE BILLION RISING REVOLUTION 2015 PISA

14 Febbraio 2015

 Piazza Vittorio Emanuele II, ore 16:30

 

 

 

1onebillion15

2onebillion2015

UN MILIARDO CHE SI SOLLEVA E BALLA PER LA RIVOLUZIONE, è un invito per le donne che hanno vissuto o vivono situazioni di violenza a rompere il silenzio e a raccontare le loro storie di dolore e speranza attraverso la danza.

A Pisa in Piazza Vittorio Emanuale II il 14 febbraio alle 16:30 ci uniremo tutte e tutti in una danza che non conosce confini per dire no alle ingiustizie che subiscono le donne nel mondo e per dare vita a una danza rivoluzionaria.

Come partecipare? È semplice:

Preparazione

Per ballare insieme il 14 febbraio

  • raccogliete la vostra energia e il vostro entusiasmo

  • indossate qualcosa di nero, rosso e/o fucsia

  • portate con voi striscioni, cartelli o simili per urlare la vostra idea di rivoluzione

 

Per maggiori informazioni:

www.onebillionrising.org
www.facebook.com/obritalia
http://youtu.be/6guRQb9Plkk

#Rise4Justice anche a Pisa

HorizontalLogo-Blob (1)

 

ONE BILLION RISING FOR JUSTICE 2014 PISA

 

14 Febbraio 2014

 Piazza Garibaldi ore 16

UN MILIARDO CHE SI SOLLEVA E BALLA PER LA GIUSTIZIA è un invito per le donne che hanno vissuto o vivono situazioni di violenza a rompere il silenzio e a raccontare le loro storie di dolore e speranza attraverso la danza.

A Pisa in Piazza Garibaldi il 14 febbraio alle 16 ci uniremo tutte e tutti in una  danza che non conosce confini per dire no alle ingiustizie che subiscono le donne nel mondo.

Come partecipare? E’ semplice :

Preparazione

  • imparate i passi di Break the Chain. Potete farlo insieme a noi alle prove che si terranno venerdì 7 febbraio alle 15 e mercoledì 12 alle 17,30 presso l’Associazione Casa della donna via Galli Tassi 8 Pisa. Se siete impegnate/i e non riuscite a provare con noi  seguite il tutorial collegandovi a : http://www.youtube.com/watch?v=mRU1xmBwUeA ;
  • preparate un cartello con scritto “La mia visione di giustizia è……” . Metteteci la faccia e fotografatevi con il vostro cartello. Inviate la vostra foto a segreteria.casa@tiscali.it o pubblicatelo sulla pagina facebook del Telefono Donna Pisa https://www.facebook.com/TelefonoDonnaPisa?ref=hl  o sul profilo della Casa della donna https://www.facebook.com/casa.delladonna?fref=ts

Per ballare insieme il 14 febbraio

  • raccogliete la vostra energia e il vostro entusiasmo
  • indossate qualcosa di nero, rosso e/o fucsia
  • portate con voi striscioni, cartelli  o simili per urlare la vostra idea di giustizia.

 

 

 

 

 

Il Flash mob del V’Day 2013 su La Nazione di Pisa

LA NAZIONE – PISA, venerdi’ 15.2.2013

CENTINAIA DI PERSONE IN PIAZZA VITTORIO HANNO PARTECIPATO AL FLASH MOB

 

flashmob

 

PISA balla per dire “NO alla violenza sulle donne”. «Una donna su tre sul nostro pianeta è stuprata o picchiata durante la sua vita. Un miliardo di donne violentate è un’atrocità. Un miliardo di donne che danzano è una rivoluzione».

Questo lo slogarmi dell’iniziativa internazionale “One Billion Rising”, creata dal movimento V-Day cioè “Giorno della Vagina”, a cui hanno partecipato 197 paesi al mondo, e più di 100 città solo in Italia, ieri 14 febbraio. Il V-Day è un movimento lanciato 15 anni fa proprio il 14 febbraio da Eve Ensler autrice dei “Monologhi di una Vagina” dove vengono raccontate le atrocità e le violenze subite dalle donne. Da questo libro è nato appunto il movimento che ogni anno, il 14 febbraio, organizza iniziative ed eventi per la lotta contro ogni forma di violenza su donne e ragazze.

NEL 2013 il movimento ha compiuto 15 anni e Eve Ensler ha lanciato la campagna mondiale più ambiziosa di
sempre, il “One Billion Ri-sing”. Si è trattato di un flash mob che ha mobilitato circa un miliardo di persone facendo ballare donne, uomini e bambini nelle piazze di tutto il mondo sulle note di “Break
the chain” (Spezza le catene, ndr), testo scritto appositamente per l’evento da Eve Ensler, e con i passi della coreografa Debbie Allen al fine di gridare il loro sdegno.

ANCHE Pisa e provincia si è unita numerosa all’evento: ieri, grazie all’organizzazione di Stefania Rallo della Casa della Donna, in piazza Vittorio Emanuele II alle 16 centinaia di persone hanno ballato per
ben 4 volte, intervallate da una spiegazione dell’evento, per dire “Basta alla violenza sulle donne, noi ci siamo”. Alla significativa protesta celebrativa hanno aderito anche il comitato 13Febbraio, Aied,
l’Assessorato alle Pari opportunità del Comune e della Provincia di Pisa, il Comune di Cascina, le associazioni Alchemia, il Gabbiano, Effetti risate, il teatro delle Ombre, il comitato Arci-Pisa, l’Admi, la Camera del lavoro di Pisa, il Coordinamento dei movimenti e delle associazione di donne della provincia di Pisa, la palestra Dinamika, Arcilesbica e la polisportiva Casa del Popolo Metato. Per la musica e il supporto tecnico hanno contribuito il bar Kinzica e Cristian Marangon.

Irene Salvini
Talita Pistelli

A Pisa con la Casa della donna per “one billion rising”

Pisa, 13 Febbraio 2013

Anche Pisa “si sveglia, balla e partecipa” aderendo alla campagna internazionale contro la violenza sulle donne “one billion rising”, lanciata da Eve Ensler per giovedì 14 febbraio.

Il giorno di San Valentino del 1998, Eve Ensler, intensa e sagace autrice statunitense de “I monologhi della vagina”(1994), inaugura il ” V-Day”, un movimento che, richiamando simbolicamente la ricorrenza della “festa degli innamorati, chiede la fine della violenza contro le donne, impegnando annualmente la creatività delle e degli attivisti che tenacemente lavorano perché la società acquisisca una sempre maggiore consapevolezza della drammaticità del problema.

Quest’anno il V-Day invita il mondo ad “insorgere” in una danza collettiva: “un miliardo di persone si sollevano” contro la violenza, ballando le une accanto alle altre, al ritmo di “Break the chain– Spezza la catena”, una canzone composta per il V-Day 2013.

Questo ballo, che con le caratteristiche di un’insurrezione armoniosa e pacifica vuole celebrare la forza delle donne e la loro capacità di essere solidali al di là dei confini geografici per affermare il diritto alla propria libertà e incolumità, coinvolgerà, soltanto in Italia, più di 150 tra città e piccoli e grandi comuni oltreché le associazioni promotrici della convenzione “No more”, alcune associazioni internazionali, istituzioni, singole e singoli attivisti impegnate/i nel contrasto alla violenza contro le donne.

A Pisa, con la Casa della donna e il centroantiviolenza Telefono donna hanno aderito all’iniziativa l’Assessorato alle PP.OO del Comune di Pisa, l’Assessorato alle PP.OO. della Provincia di Pisa, il Comune di Cascina, il Comune di Pisa, il Coordinamento dei movimenti e delle associazioni di donne della Provincia di Pisa, la Camera del Lavoro di Pisa, il Comitato donne 13 febbraio, Aied , Arcilesbica, ADMI, l’associazione culturale Alchemia, l’associazione culturale il Gabbiano, Teatro delle Ombre, comitato Arci-Pisa, l’associazione “Effetti Risate”, la palestra Dinamika e la Polisportiva Casa del Popolo Metato.

L’appuntamento è per giovedì 14 febbraio, in Piazza Vittorio Emanuele alle ore 16, tutte e tutti vestiti di nero con un accessorio rosso e/o fucsia.