NUOVO COMUNICATO STAMPA della Casa della Donna

Nuovo Comunicato Stampa della Casa della Donna “Verso un tavolo inter-istituzionale per la sede di Via Galli Tassi. Primo importante risultato della campagna #iostoconlaCasadelladonna che in pochi giorni ha raccolto oltre mille firme” a seguito dell’incontro con l’amministrazione provinciale.

Comunicato stampa
VERSO UN TAVOLO INTER ISTITUZIONALE PER LA SEDE DI VIA GALLI TASSI

Il 26 maggio scorso l’Associazione Casa della Donna, a seguito dell’appello “Io sto con la
Casa della Donna, e tu?” ha incontrato il Sindaco e Presidente della Provincia Marco
Filippeschi, con i dott. Giovanni Viale, Antonio Salonia, e Marco Pelliti, per avviare il
confronto da tempo richiesto sulla situazione dell’Associazione descritta nell’Appello.
L’Associazione, attraverso le sue rappresentanti, ha rilevato con piacere la volontà positiva
delle Istituzioni di iniziare e mantenere aperto un dialogo serio e costruttivo sia sugli aspetti
materiali, sia sui valori sociali, culturali e simbolici delle questioni da noi sollevate.
Purtroppo al momento non sono state avanzate soluzioni concrete e quella prospettata
(trasferimento della Casa in Via Gioberti) è ancora vaga, e sarebbe comunque del tutto
insufficiente nella dimensione e nella organizzazione degli spazi previsti.
Tutti riconoscono che il valore dell’immobile di via Galli Tassi non è puramente economico,
ma anche sociale e culturale, per tutta la città e la provincia di Pisa. Tuttavia, nonostante la
sensibilità del Sindaco stesso per il ‘valore simbolico dei luoghi’, e la smentita di un
imminente trasferimento, ne rimane incerto il destino, e la sua vendita, data la difficile
situazione finanziaria dell’amministrazione, rappresenta ancora una concreta temibile
possibilità, forse non troppo scevra da ombre di scelte politiche, diciamo, ‘misogine’.
La vendita della Casa non è certo risolutiva del bilancio provinciale, mentre costituirebbe la
grave perdita di un patrimonio di storia, cultura, servizi e tutela e promozione dei diritti delle
donne per tutto il territorio.
Siamo pienamente consapevoli che l’amministrazione provinciale, che per 25 anni ci ha
accompagnate e sostenute nelle nostre attività, non può più essere, dopo i cambiamenti
legislativi, uno dei principali referenti istituzionali, e sappiamo anche le difficoltà reali che il
cambiamento sta comportando a tutti i livelli. Per questo l’idea emersa nell’incontro di aprire
un Tavolo inter-istituzionale per condividere le problematiche generali e specifiche poste
dalla situazione della Casa della donna, e per garantire la continuità delle sue molteplici
attività e servizi, ci sembra convincente, in quanto ci permette un confronto non soltanto con
la Provincia, ma anche con tutti i partner istituzionali con i quali abbiamo collaborato e
consolidato nel tempo relazioni significative e sostanziali (Comune di Pisa e della zona
pisana, Società della Salute, ASL 5, Regione Toscana).
Ci auguriamo dunque di aprire quanto prima il confronto nel tavolo Inter-istituzionale per
arrivare ad una soluzione che sia condivisa e giusta, non tanto per noi ma per tutte le donne
della nostra città e provincia.
Cogliamo l’occasione per ringraziare tutte e tutti coloro che, da ogni parte della Toscana e
del Paese, ci hanno sostenuto e continuano a firmare il nostro appello. La campagna
#IostoconlaCasadelladonna ha ottenuto in pochi giorni oltre mille adesioni da parte di
cittadine/i, realtà del sociale e della cultura, associazioni di donne e non solo.
Una risposta così importante al nostro appello ci dà grande forza e determinazione perché
sappiamo che non siamo sole ad avere a cuore il destino della Casa!

Pisa, 27/05/2015
Associazione Casa della Donna