Giulia Nocchi: l’impegno civile delle donne di ieri e di oggi

L’amministrazione comunale di Casciana Terme Lari organizza per il 5 marzo 2016 alle ore 17 una commemorazione per Giulia Nocchi presso la sala delle conferenze “Teresa Mattei” in via Pertini a Perignano (Pi). 

Vi aspettiamo numerose.

 

Nota biografica:

Giulia Nocchi era nata a Castellina Marittima il 26 agosto 1921. Mezzadra, figlia di mezzadri, si iscrisse al Pci nel 1946 a Fauglia. A trent’anni lascia la terra per l’attività politica. Ha lavorato come funzionaria nel sindacato, nel partito, nell’Udi in varie regioni d’Italia: dal Polesine, alla Lucania, dalle Marche, alla Sardegna. Nel 1951 venne eletta a Livorno responsabile provinciale della Federterra e nello stesso anno consigliere comunale a Collesalvetti. Viene invitata alla Camera del Lavoro di Rovigo per organizzare il trasferimento dei bambini delle famiglie colpite dall’alluvione nel Polesine. Tornata dal Polesine Giulia riempie uno dei tanti moduli autobiografici che a quei tempi faceva riempire il Pci. Alla domanda: «Saresti disposta ad andare dove il Partito ritiene inviarti»? Giulia rispose sì. Cominciò così la sua lunga permanenza nel Meridione. Nel’53 raggiunge Matera dove il Pci la invia come «costruttrice», negli anni successivi è nella segreteria della Camera del Lavoro di Pesaro. Nel 1957 si trasferisce ad Ascoli Piceno dove viene eletta responsabile delle donne comuniste della federazione.

Ritornata a Livorno nel 1963 diventa responsabile della commissione femminile del Pci. Giulia avverte i fermenti, le sollecitazioni che si agitano nel paese e tra le donne e si impegna con vigore e passione affinché il partito si apra al nuovo.